Negli ultimi anni la ricerca e lo sviluppo in campo industriale hanno accelerato la trasformazione digitale, portando all’interno delle aziende manifatturiere e di produzione di macchinari nuove tecnologie, “strumenti del 4.0” ben lontani da quelli utilizzati fino ad ora.

i-live-machines_info_001

CONTROLLO | Senza uno strumento 4.0, una volta che il produttore consegna la macchina al cliente utilizzatore, non ha più modo di seguire il suo andamento, con i-Live Machines è ora possibile.ASSISTENZA | Il produttore, nel momento in cui riceve una chiamata di assistenza, grazie ad i-Live Machines, può essere più preparato e avere già la situazione sotto controllo, dando così con velocità ed efficienza una soluzione.

PROGETTAZIONE | Con i-Live Machines, il produttore può progettare le nuove macchine con coscienza, basandosi su dati certi e consapevole di ciò che funziona e ciò che deve essere modificato rispetto alle macchine che ha all’interno del suo parco.

COLLABORAZIONE | Con i-Live Machines il rapporto produttore-utilizzatore migliora, il primo può erogare un servizio di assistenza e manutenzione migliore.

Per avere i dati di funzionamento del macchinario, il produttore poteva affidarsi esclusivamente al PLC, ad oggi invece è il punto di partenza per una raccolta, un’analisi e una storicizzazione corretta delle informazioni utili.

i-live-machines_info_003

UBICAZIONE FISICA | Il PLC è uno strumento montato direttamente all’interno della macchina mentre i-Live Machines è un’applicazione Cloud che riceve i dati inviati dal PLC.

SCOPO | Il PLC è il “gestore” della macchina poiché al suo interno si trovano i programmi che fanno funzionare il macchinario; i-Live Machines invece, ha il compito di ricevere i dati inviati, renderli visualizzabili, storicizzabili, analizzabili.

DRIVER | Il PLC viene “governato” direttamente dal produttore, i-Live Machines invece riceve i dati provenienti dal PLC, dati che il produttore ha deciso di inviare, con l’obiettivo di visualizzarli in Cloud, in modo tale da poter monitorare e sfruttare tutte le funzioni del software.

  • Come comunica il PLC della macchina con i-Live Machines?
  • I dati raccolti dal PLC sono tutti di valore? Come faccio a dividerli per grado di importanza?
  • È possibile costruire un rapporto di fiducia con il cliente anche quando è lontano?
  • È possibile avere una visione chiara e realistica (senza il racconto da parte del suo utilizzatore) dello stato della macchina, una volta lasciato il parco macchine?
  • Tra i diversi software come i-Live Machines, come scegliere quello giusto?
  • Scegliere in base alle proprie necessità: quali soddisfa i-Live Machines?
  • Quali motivazioni hanno spinto lo sviluppo del prodotto?

Per continuare a leggere

Scarica il Whitepaper