La società si propone come partner per i progetti di innovazione 4.0 delle piccole e medie imprese del manifatturiero italiano che puntano su modelli incentrati su Big Data e Augmented Intelligence

Bring Things to Life: questo è il payoff di Holonix, azienda che dal 2010, anno della sua fondazione, si occupa di tecnologie e prodotti software Internet of Things e Augmented Intelligence, ritenendoli gli strumenti chiave della trasformazione digitale.

«Bring Things to Life non è solo il payoff, è una sorta di inno al futuro, al cambiamento, alla trasformazione digitale» – afferma Lara Binotti, sales director di Holonix. «L’azienda si propone come partner per i progetti di Innovazione 4.0 delle piccole e medie eccellenze del manifatturiero italiano che puntano all’adozione del nuovo modello incentrato sulla disponibilità dei Big Data e sulla collaborazione tra uomo e Artificial Intelligence (AI)».

Diventare un’azienda data-driven, guidata dai dati, non è sempre facile. «I dati e la tecnologia, da soli, non rendono un’organizzazione più efficiente» – dice la sales director di Holonix. «È necessaria una riorganizzazione aziendale, improntata alla cultura digitale. Perché sia efficace, l’organizzazione del cambiamento richiede direzione, flessibilità, competenze e comportamenti proattivi, per garantire la realizzazione degli obiettivi e delle esigenze dell’intera organizzazione, nel processo e nella tecnologia. Holonix, per aiutare le Pmi a diventare una fabbrica smart, propone un avvicinamento graduale e assistito con un approccio personalizzato. I principali interlocutori di Holonix sono i produttori di macchinari industriali; per accompagnarli in questo percorso abbiamo ideato la strategia IoT Experience che si basa su approcci modulari, progressivi e personalizzati.

La capacità di saper raccogliere dati dalle macchine è un’attività fondamentale per l’efficientamento di tutti i processi industriali. Permette di prendere decisioni informate, basate su quanto sta realmente accadendo in produzione. Se è vero che le tecnologie giocano un ruolo chiave nell’abilitare questi processi (soprattutto IoT e Intelligenza Artificiale), le conoscenze delle aziende e il loro approccio all’uso di queste tecnologie sono fondamentali. Va capito, in primo luogo, il contesto legato alla particolarità aziendale, le esigenze specifiche che determinano quali tecnologie scegliere e quali parametri sono necessari per l’efficientamento dei processi. Solo così si può estrarre valore aggiunto dal dato, poiché la pura raccolta del dato grezzo non porta vantaggi all’azienda. Per fare tutto questo occorrono le giuste competenze, una cultura e un approccio corretto all’uso delle nuove tecnologie e anche i giusti strumenti. Questi elementi, tuttavia, spesso mancano alle PMI ed è in questo campo che si concentra l’impegno di Holonix».

IoT EXPERIENCE IN TRE MODULI

Attraverso il servizio IoT Experience di Holonix, ogni realtà industriale potrà conoscere le innovazioni IoT e Augmented Intelligence nel proprio settore, progettare iniziative e realizzare un progetto di innovazione IoT e AI nella propria realtà.

«IoT Experience è costituito da tre moduli, corrispondenti a tre percorsi diversi» – spiega Binotti. «È un approccio che si rende necessario proprio perché, spesso, a frenare le aziende è la diffidenza verso le nuove tecnologie.

Conoscere è il modulo dedicato alle imprese che vogliono scoprire quali tecnologie IoT e AI sono usate nel loro settore e come possono essere implementate per innovare il contesto aziendale. È un percorso in cui Holonix mette a disposizione conoscenze tecnologiche maturate grazie all’esperienza decennale in attività di ricerca, sviluppo e applicazione delle tecnologie chiave della trasformazione digitale del mondo industriale.

Progettare è dedicato alle aziende che vogliono pianificare un intervento di innovazione con tecnologie IoT e AI basato sulla stima affidabile di costi, tempi, fattibilità, sforzo richiesto alle figure coinvolte e sulla valutazione di massima dei benefici ottenibili. Si tratta di un modulo in cui i clienti possono trarre vantaggio delle competenze metodologiche di Holonix, affinate nella progettazione e nella realizzazione di progetti di innovazione dove le tecnologie sono diventate vantaggio concretamente misurabile.

Realizzare è il modulo per le aziende che vogliono ottimizzare in tempi e costi un intervento di innovazione sulla propria realtà aziendale che utilizzi le migliori soluzioni disponibili per il raggiungimento degli obiettivi selezionati, grazie al supporto operativo di Holonix, che sfrutta le competenze di project management maturate lavorando con fornitori leader delle tecnologie digitali e con le piccole e grandi eccellenze industriali».

NELLA DATA DRIVEN ECONOMY

Secondo Holonix, viviamo nella data driven economy, un’economia in cui i dati sono la risorsa principale per generare vantaggi competitivi. Le imprese si sono rese conto delle potenzialità che risiedono nei dati a propria disposizione: scoprire in anticipo modelli, trend, comportamenti è un vantaggio rispetto ai competitor. Al centro di questa rivoluzione ci sono i produttori di macchinari industriali che ora devono necessariamente agire, focalizzandosi sulla trasformazione digitale per essere più avanti rispetto alla concorrenza.

i-Live Machines è il prodotto software di Intelligenza Aumentata disponibile in cloud in modalità as a service, ideato per i produttori di macchinari industriali. Si tratta di una combinazione di tecnologie 4.0 che permette di avere una conoscenza continuativa e in tempo reale di come sono usate e si comportano le macchine per storicizzare tutti i dati provenienti dal parco installato. Consente di migliorare il servizio di assistenza, ovvero la capacità di diagnostica, riducendone i costi. In risposta a un’esigenza di mercato, permette di verificare le performance di ogni macchina per garantirle all’utente. Inoltre mette a disposizione dei processi 4.0 dei clienti i dati raccolti dalle macchine e rende possibile un miglioramento e una riprogettazione delle future macchine, basandosi su evidenze reali, predisponendo il produttore alla valutazione di vari modelli di vendita. i-Live Machines permette di condividere i dati in sicurezza, senza necessità di framework e installazione on-premise; è attivabile a distanza, per raggiungere e seguire ogni macchina installata.

Leggi l’intervista anche su Data Manager Online.